domenica 16 agosto 2009

Quel raggio di sole vagabondo


Ogni giorno, e soltanto per un mese all'anno (ad agosto), un raggio di sole, forse deviato da una superficie di vetro, penetra nella mia stanza, accendendola di riflessi d'acquario. La fantasmagoria di giochi prismatici dura per 10 minuti al massimo: poi l'allineamento del sole si modifica e tutto ritorna nella penombra che mi è più abituale.
Quel raggio di sole, che all'alba - paradossalmente - arriva da ovest, è un vero dono, una piccola festa e porta - benaugurante, proprio all'inizio della giornata - calore, allegria e buonumore.
Poi, procedendo nella stagione, la traiettoria del sole si modifica e quel raggio vagabondo non arriva più sino all'anno successivo.
Il fatto strano è che, pur vivendo in questa casa da moltissimi anni, non mi ero mai accorto prima di questo fenomeno.
A volte la meraviglia più autentica sta nelle piccole cose.

Nessun commento:

Posta un commento

Creative Commons License
Frammenti by Maurizio Crispi is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.
Based on a work at maurcrispi.blogspot.com.