domenica 16 agosto 2009

Il telefonino e le cattive abitudini: finta socialità, profondo solipsismo


Chissà perchè Ferragosto, divenuto un giorno di vacanza essenzialmente laico e, apparentemente, non legato a nessuna ricorrenza in particolare (anche se chi è cattolico praticante celebra l'Assunzione di Maria Vergine, ma solo dal 1950 - per intervento curiale) sta diventando una festività in cui ci si scambiano auguri e convenevoli.
Di anno in anno, una pioggia sempre più fitta di
"Buon ferragosto" e salamelecchi vari.
Poco male: ogni occasione è gradita per ricevere auguri.
C'è il sospetto, tuttavia, che si tratti il più volte di un'attività di routine grazie all'anonima funzione dell'"invia a tutti" disponibile sui cellulari.
Dell'augurio standard e stereotipato, mandato eguale a tutti quelli che sono scritti in una lista, io personalmente non me ne faccio nulla e penso che molti altri la pensino come me, francamente.
Diciamo che il "Buon Ferragosto!" è soltanto una molesta esternazione di maniaci del telefonino.
Meglio sarebbe piuttosto una breve telefonata a pochi amici selezionati - pochi, ma buoni - per dir loro - o sentirci dire -
"Cosa fai? Come stai? Vediamoci, se sei in cittò... Facciamo qualcosa assieme...".
Allora, sì: lo strumento tecnologico diventerebbe il vero tramite per rafforzare, con calore e disponibilità, le relazioni e i legami con chi ci è più caro.
Mentre sempre di più, il cellulare - al di là di una superficiale potenzialità nel costruire legami sembra alimentare piuttosto nuove e più profonde solitudini.

1 commento:

  1. Vincenzo Cordovana18 agosto 2009 20:47

    Ottimo, ne convengo. Immaginiamo un pò. Siamo nell'anno 5000000000, è Natale. Presi da buonismo interstellare prendiamo il nostro nuovissimo telefonino (comprato con la tredicesima) e mandiamo un messaggio con la ultimissima ed impersonalissima funzione "INVIA A TUTTI GLI ESSERI VIVENTI DEL COSMO" (in tutti questi anni si è scoperto che in cinquecentotriliardi di pianeti esistono forme di vita intelligente, tutte collegate da un unico gestore telefonico). Pensiamo per alcune ere quale messaggio inviare (la tariffa è economicissima: appena un centesimo per diecimilamiliardi di messaggi) vogliamo assolutamente stupire, odiamo la banalità e poi, al culmine dell'ispirazione, abbiamo una geniale intuizione. Digitiamo la prima lettera (il telefonino è collegato con le nostre onde cerebrali e completa automaticamente il resto della frase) ed il nostro messaggio di augurio è creato: "UNIVERSO TVB"
    Ci sentiamo un pò più buoni ma soprattutto molto intelligenti. Proviamo un senso di gratitudine verso la tecnologia. Felici grattiamo una ricarica

    RispondiElimina

Creative Commons License
Frammenti by Maurizio Crispi is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.
Based on a work at maurcrispi.blogspot.com.